L'intervista ai Viola Club: Donne Viola, Pitigliano e Gruppo Ciociaro

L'intervista ai Viola Club: Donne Viola, Pitigliano e Gruppo Ciociaro

646VISUALIZZAZIONI

Ci siamo, riparte oggi il campionato della Viola tra speranze, sogni e un ritrovato entusiasmo. In occasione della prima di Serie A con il Napoli, Alé Fiorentina ha contattato tre presidenti di Viola Club e ha posto loro tre domande. I presidenti in questione sono Cecilia Casalini del Viola Club Donne Viola, Daniele Rappoli del Viola Club Pitigliano e Federico Malandrucco del Viola Club Gruppo Ciociaro.

 

Cecilia Casalini

Sei pronta per la nuova stagione? Che sensazioni hai?

«Sono prontissima per la nuova stagione, anzi non vedevo l’ora che ricominciasse il campionato. Questo anche perché le mie sensazioni sono molto positive grazie al Presidente Commisso che mi ha ridato l’entusiasmo che non avevo più».

Questa sera al Franchi andrà in scena Fiorentina-Napoli. Sarai allo stadio? Che gara ti aspetti?

«Sarò allo stadio, non sarei potuta mancare. Mi aspetto una partita al cardiopalma perché sarà sicuramente una gara difficile, si inizia con il botto! Sulla carta il Napoli è una squadra fortissima e la Fiorentina è in fase di rodaggio ma mi aspetto comunque una partita molto combattuta dai nostri giocatori, sarà la loro prima partita pertanto immagino che scenderanno in campo con tanta tensione ma anche con la voglia di far bene. Insomma ho fiducia in loro e poi chissà che invece non andrà per il meglio... in fondo il calcio è bello anche per questo».

Cosa ne pensi dell'arrivo di Franck Ribery? Cosa può dare alla Fiorentina?

«Ribery è stato un regalo bellissimo... Il suo arrivo ha come risvegliato la città da un torpore in cui era caduta da 4 anni a questa parte; io stessa quando è arrivato sembravo una bambina davanti ad un negozio pieno di caramelle. Sono sicura che un giocatore della portata di Ribery, oltre che in campo, potrà dare tantissimo anche nello spogliatoio. Comunque spero di vederlo in campo già contro il Napoli, un altro sogno che si avvera e che spero sarà solo il primo di una lunga serie... in fondo ce lo meritiamo tutti».


Daniele Rappoli

Sei pronto per la nuova stagione? Che sensazioni hai?

«Ho sensazioni migliori rispetto alla scorsa stagione. Alla rosa di oggi manca sicuramente qualcosa, ma ci sono valori importanti. Vlahovic, Montiel e Sottil, ad esempio, sono valori aggiunti. Inoltre, questo gruppo è sereno e compatto. Sono molto fiducioso!».

Questa sera al Franchi andrà in scena Fiorentina-Napoli? Sarai allo stadio? Che gara ti aspetti?

«Difficile! Difficilissima! Il Napoli ha cambiato pochissimo rispetto allo scorso anno, è una realtà collaudata e lotterà per scalzare la Juventus dal trono, quindi sarà una bella prova per la Fiorentina. Fossi in Montella butterei nella mischia fin dall'inizio Vlahovic, punterei a rinforzare il centrocampo e schiererei Montiel: il ragazzo è un predestinato, vede i movimenti dei compagni come nessun altro. Riuscissimo ad uscire indenni dal campo, sarebbe un gran bel risultato e di buon auspicio per il prosieguo della stagione».

Cosa ne pensi dell'arrivo di Franck Ribery? Cosa può dare alla Fiorentina?

«Non ci ho creduto fino alla fine, è un grande colpo per la Viola. È il colpo che ha riportato l'entusiasmo. È vero che l'età conta, che nell'ultimo anno è stato anche fuori, ma la sua qualità è indubbia. Mi basterebbe che facesse il 60/70 percento di ciò che ha fatto a Monaco, mi accontenterei. Chiesa da una parte e Ribery dall'altra... tanta roba!».


Federico Malandrucco

Sei pronto per la nuova stagione? Che sensazioni hai?

«Sono prontissimo per la nuova stagione: proprietà nuova, vita nuova. È tornata la compattezza, l'empatia tra squadra e tifoseria, come diceva Pradè anni fa. Solo una cosa chiedo agli altri fratelli viola, quella di lasciare il passato alle spalle, basta con slogan anti Della Valle, ora pensiamo al bene della nostra FIORENTINA!».

Questa sera al Franchi andrà in scena Fiorentina-Napoli? Sarai allo stadio? Che gara ti aspetti?

«Oggi, insieme ad altri membri del gruppo, salirò a Firenze. Ho fatto nuovamente l'abbonamento in Fiesole, non potevo mancare a questo scoppiettante inizio di stagione. Sicuramente il Napoli è una struttura consolidata e parte con una marcia in più. Tuttavia il nostro entusiasmo può rappresentare il dodicesimo uomo, finalmente!».

Cosa ne pensi dell'arrivo di Franck Ribery? Cosa può dare alla Fiorentina?

«Ribery è il colpo da fare esaltare la piazza, può aiutare i vari Montiel, Vlahovic e Sottil a crescere. Non servirà mandarli in prestito, hanno un campione che ha vinto tutto e ancora può dare tanto secondo me, vista l'ultima buona stagione in Baviera. Un professionista vero, ha preferito una piazza come la nostra piuttosto che realtà come Arabia e Russia. Non è finita perché arriverà anche qualcun altro e Ribery è l'uomo di attrazione mediatica e tecnica. Insomma, grazie assai al nostro Presidente!».


Interviste di Giacomo Cialdi