Di Marzio: "La Fiorentina mi diverte, e può crescere ancora. Il futuro di Chiesa..."

Di Marzio: "La Fiorentina mi diverte, e può crescere ancora. Il futuro di Chiesa..."

337VISUALIZZAZIONI

Siamo alla vigilia di una gara, quella con il Lecce, divenuta estremamente delicata per la Fiorentina, dopo le due sconfitte consecutive maturate a Cagliari e Verona. Nell'ultima settimana, poi, è scoppiato il "caso Chiesa" e una parte di tifoseria ha sempre più dubbi su Vincenzo Montella. Per parlare di tutto questo, Alé Fiorentina ha intervistato in esclusiva Gianni Di Marzio, ex allenatore proprio dei salentini dal 1980 al 1982 ed esperto di mercato.

Di Marzio, che Fiorentina ha visto nelle ultime settimane?

«La Viola nell'ultimo periodo ha faticato non poco, specie per l'assenza prolungata di Ribery, che oggettivamente sta rendendo più di quanto mi aspettassi. In più, Chiesa non ha quella lucidità che lo ha reso come uno dei migliori talenti del nostro calcio. Perciò è normale andare in affanno. Certo, cinque gol a Cagliari sono tanti, però i sardi stanno attraversando un grande momento...».

Che giudizio complessivo ha sulla squadra di Montella?

«Il giudizio è positivo, nonostante le ultime due confitte, perché quando guardo la Viola mi diverto. Il gruppo è ottimo e c'è un bel mix di esperienza e gioventù. Ritengo che col tempo questa squadra possa crescere ancora».

Pensa che col Lecce il tecnico rischi la panchina?

«Tutti gli allenatori del mondo rischiano la panchina, perché nel calcio conta soprattutto il risultato, specie in Italia. Non so se Commisso pensa a sostituire Montella, per come ha impostato la stagione non credo».

Che idea si è fatto sul "caso Chiesa"?

«Penso che le due parti (società e padre/procuratore del giocatore, ndr) si siano incontrate per tranquillizzare la tifoseria, per scongiurare una cessione nel mercato di gennaio. E' una situazione piuttosto complessa e ingarbugliata: Commisso ha promesso che lo avrebbe tenuto ed ha mantenuto la parola data, a fine campionato però sarà costretto a fare i conti con un calciatore che sembra davvero intenzionato a cambiare aria. Dove andrà? Lo vuole Marotta all'Inter, ma credo finirà alla Juventus: Chiesa ha fame di trofei, perciò andrà a Torino».

Intervista di Giacomo Cialdi