Dalbert: “Mi ispiro a Marcelo. Ribery in viola...”

Dalbert: “Mi ispiro a Marcelo. Ribery in viola...”

473VISUALIZZAZIONI

Giornata di presentazioni in casa Fiorentina, oggi è il turno di Dalbert, terzino sinistro arrivato in prestito secco dall'Inter nell'ambito dello scambio che ha portato Cristiano Biraghi in nerazzurro.

Sulla sua posizione in campo: "Innanzi tutto ringrazio Antognoni e Pradè per le parole, la posizione in campo che preferisco è quella di esterno: mi piace molto attaccare. La mia speranza è quella di fare un bel campionato e di regalare gioie ai tifosi viola".

Sul suo idolo da sempre: "Il mio idolo è sempre stato Roberto Carlos fin da quando ero bambino, adesso però il mio riferimento è Marcelo del Real Madrid".

Sulla presenza di Ribery: "E' chiaro che la presenza qui in viola di Ribery e Boateng ha agevolato la mia scelta perché entrambi sono calciatori che mi sono sempre piaciuti. Questi calciatori hanno avuto un peso specifico nella mia scelta".

Sulle poche partite giocate all'Inter: "Io ho sempre avuto facilità d'adattamento però quando si arriva nel calcio italiano ci può essere qualche difficoltà in più. Sono consapevole di non aver reso al massimo all'Inter ma sono anche convinto di poter fare bene".

Sul fatto che la Fiorentina gioca molto sugli esterni: "Ho ricevuto una grande dimostrazione di fiducia da parte dell'allenatore, questo è un progetto che a me piace molto e lo stile di gioco dell'allenatore ha avuto influenza nella mia scelta".

Sui suoi errori commessi all'Inter: "Non voglio parlare molto della mia esperienza all'Inter, adesso sono concentrato solo sul nuovo progetto con la Fiorentina".

Sulla scelta della maglia numero 29: "E' un numero fa parte della mia carriera, l'ho usato anche in Portogallo... dopo gli infortuni che ho avuto lì ho recuperato e sono diventato un giocatore importante, è un numero simbolico per me".

Se è pronto a scendere in campo domenica: "Sì sono pronto, con l'Inter ho fatto una preparazione molto pesante quindi sono a disposizione per la partita di domenica".

Sull'obiettivo Europa per la Fiorentina: "Sì, purtroppo non ho mai giocato in Europa con l'Inter perché ero fuori dalla lista: è chiaro che sono qui per pormi obiettivi alti, se la Fiorentina dovesse raggiungere l'Europa sarebbe molto bello".

Sul fatto che ritrova Eysseric: "Sì c'ho parlato prima di accettare la proposta dei viola, mi ha dato qualche informazione: mi ha parlato bene della città, della squadra e dei tifosi. Questo mi ha motivato ad accettare il progetto viola".