COMMISSO: “SQUADRA QUASI PRONTA. CHIESA...”

COMMISSO: “SQUADRA QUASI PRONTA. CHIESA...”

342VISUALIZZAZIONI

Rocco Commisso, presidente della Fiorentina, ha parlato al "Salotto dello Sport" in onda su RTV38: "Spero di essere presto lì vicino a voi in Italia".

Cosa pensa della prima partita giocata contro la Primavera? "Ho visto giocatori nuovi, specialmente Amrabat che mi è piaciuto molto. Castrovilli ha fatto un gol speciale come quello di Vlahovic. Mi hanno fatto sorridere, perché da settimane non li vedevo giocare. E' bene cominciare così e andare avanti". 

Cosa si aspetta da Amrabat? "A me è piaciuto moltissimo. L'ho detto a loro che non voglio prendere il loro posto. L'ho visto giocare contro di noi e gli ho detto subito di prenderlo nonostante la competizione con il Napoli. Lui ha scelto Firenze e ci aiuterà assai". 

La Fiorentina ha tre giocatori con la Nazionale italiana, è contento? "Sono molto fiero del fatto che i nostri giocaztoi siano in Nazionale. Ricordo anche che Cutrone Ranieri e Sottil giocheranno in U21. Mi dispiace per Ponsi che salterà l'U20 perché si è infortunato in amichevole. E' sempre un orgoglio per me avere giocatori in Nazionale".

Cosa sta accadendo intorno al Centro Sportivo? "Sul Centro Sportivo ci sono altre richieste dalla soprintendenza ma io non voglio fare più cambiamenti. non è accettabile fare altri cambiamenti per accontentare la soprintendenza. Abbiamo già fatto molto per accontentarli. Abbiamo tenuto la villa e abbiamo messo molto verde, abbiamo fatto molto per accontentarli per avere i permessi. Ora dobbiamo andare avanti. La promessa che mi è stata fatta è quella di avere entro il 15 di settembre i permessi per iniziare a costruire entro la fine dell'anno. Sono positivo perché credo che me lo lasceranno fare e così potremo andare avanti. Tra un anno forse potremo finirlo e andare lì verso la fine del 2021 per mettere tutti ad allenarsi insieme. Sarà un posto meraviglioso e sono orgoglioso di averlo pensato. Avremo speso molti euro per farlo. I nostri tifosi così potranno vederlo, prima o dopo. Io avevo intenzione di mandarli avanti ma non possiamo nonostante siamo pronti. Ora vogliamo andare avanti però, perché voglio mostrare ai tifosi i passi in avanti. 

E intorno allo stadio? "Ho detto quello che penso già da tempo. La povera Italia, con il PIL giù del 12%. Questo stupido zio d'Amercia sta dando la possibilità al'Italia di prendere qualche soldo. Firenze merita uno stadio bello come la città. Tutti credono che la città è la più bella città del mondo, c'è bisogno di uno stadio all'altezza. Non voglio fare mezze cose. Gli stadi non sono monumenti. Vediamo questi emendamenti cosa possono darci. Se si faceva un anno fa a Campo di Marte, forse eravamo già a metà lavori. Dobbiamo aspettare. 

Cosa le dice Iachini sulla squadra? "Noi siamo tutti contenti che da dove abbiamo finito possiamo cominciare. Beppe ha fatto 21 partite e ha camminato alla media di 1,5 punti a gara che a 38 partite sarebbero 58 punti. Ha camminato a una media vicina all'Europa. Ora ci vogliono pochi punti per puntare all'Europa. Lui non ha cominciato con Ribery e Kouamé. Io credo che la squadra sia già fatta anche senza comprare nessuno. Altre squadre hanno comprato giocatori e sono forse più forti, ma alcune sono più deboli. Noi siamo proprio al punto che possiamo andare più avanti. Non voglio mai più essere nel lato destro della classifica e dobbiamo andare avanti rispetto alla posizione numero 10, conquistata l'anno scorso". 

Cosa ci può dire sul mercato? "I tifosi mi rispetteranno se dico la verità. La Fiorentina dodici anni fa aveva 100 milioni di ricavi. Un anno fa era a 93. Con il Covid siamo scesi a 87 e potremmo arrivare a 82 in quest'anno. In due anni siamo scesi di più di 10 milioni. Le perdite saranno più grosse degli ultimi due anni. Quest'anno le perdite cash, saranno 50 milioni di euro senza considerare il mercato di settembre. Noi abbiamo trovato la Fiorentina con 40 giocatori che abbiamo dovuto vendere. Zero infrastrutture. Ora però le cose sono cambiate. Il Covid ha complicato la situazione della Fiorentina e di tutte le squadre. Io personalmente non mi sento secondo a nessuno e l'ho dimostrato anche con la Mediacom. Nessuno ha fatto ciò che ho fatto io da italiano in America. I tifosi devono capire che se non andiamo avanti con i ricavi è impossibile fare di più. Inter, Napoli, Roma, sono tutti con ricavi più alti di 200 milioni. Guardiamo all'Atalanta, l'hanno comprata a niente in Serie B, poi hanno speso 5 anni per arrivare dove sono. Noi abbiamo fatto meglio di loro l'ultimo anno. C'è bisogno di tempo. Io posso mettere soldi nel corso degli anni. Sono pure disposto a comprare anche altri calciatori. Abbiamo però già fatto tanto l'anno scorso e a gennaio. Abbiamo presto tanti calciatori. I tifosi devono capire che non tutto si può fare in un giorno anche se Rocco è ricco. Datemi un po' di tempo, io ho le mie ambizioni e qualche obiettivo segreto. Io spero di fare meglio rispetto al decimo posto".