Montella: "Chiesa pensi a migliorarsi. Temo Balotelli, spero..."

Montella: "Chiesa pensi a migliorarsi. Temo Balotelli, spero..."

526VISUALIZZAZIONI

A due giorni dalla partita contro il Brescia in programma lunedì sera alle ore 20:45, Vincenzo Montella ha parlato dalla sala stampa "Manuela Righini" del Franchi. Ecco le sue parole: "Non so se influisce la pausa più lunga per il Brescia, noi per esempio avevamo un trend positivo di partita ma a volte giova riposarsi".

Su nuovo ruolo di Ribery e Chiesa: "Federico sta bene, si sta allenando anche se non è libero al 100 per cento, domani ci sarà più chiarezza. Il ruolo di Ribery? Fargli fare tutta la fascia a 37 anni è dispendioso e in questa nuova posizione si sta divertendo e aiuta la squadra: ci auguriamo che possa andare avanti così e sugli stessi livelli".

Sulla condizione di Pedro: "In Nazionale ha giocato poco. Il discorso è chiaro, lo stiamo gestendo per farlo crescere e adattarlo all'intensità del calcio italiano. Lo convoco ma stiamo portando avanti un programma diverso per lui".

Sul calendario più leggero: "Da sosta a sosta siamo diventati squadra e trovato identità. Il nuovo ciclo ci dirà cosa faremo da grandi. Non sono d'accordo nel dire che è un ciclo più facile. Il Brescia ha giocato e perso con onore con le big, è molto peroicoloso, gioca più in verticale in percentuale ed ha due giocatori sopra la media. Poi ci sono Lazio e Sassuolo...".

Sui rinnovi di Venuti e altri giovani: "Venuti si merita il rinnovo. E' un calciatore che ha forte identità e farà parte del futuro della Fiorentina. Siamo la prima squadra in Europa con giocatori del settore giovanile. Questi giovani saranno lo zoccolo duro della Fiorentina, ci puntiamo, con la loro identità ci faranno fare la differenza"

Sulle riserve: "Siamo la terza squadra per tiri in porta. Ma so che chi gioca meno ci farà fare il salto di qualità. Alcuni meriterebbero di giocare di più, sono penalizzati dal modulo. mi impegnerò per dare spazio a tutti coloro che se lo meritano e non è detto che lunedì giochi la stessa formazione di sempre"

Se teme più Balotelli o Tonali: "Temo più Balotelli perché è più decisivo, essendo una punta. SApero gli venga la febbre (ride, ndr)"

Scommessa su rinnovo di Chiesa: "Io non scommetto mai, c'era ancora la schedina quando lo feci l'ultima volta. Siamo tutti felici che sia rimasto, lui compreso perché ha bisogno ancora di uno step migliorando certe cose alla Fiorentina. Secondo me non se lo chiede ancora cosa farà tra otto mesi. Anche io, da fratello, gli consiglierei di pensare solo a migliorarsi".

Se sente il rinnovamento: "Non voglio mancare di rispetto ai Della Valle che mi hanno riportato qui. Non mi aspettavo quella situazione, era di non ritorno, infatti. Commisso ha riportato entusiasmo e anche a noi non ci ha mai lasciato soli. Commisso è ambizioso e crede nelle sue idee e crede negli italiani. Cerchiamo calciatori forti e italiani perché vuole una forte identità e questo può fare la differenza. Per questo insistiamo in questo senso, punteremo proprio agli italiani forti e giovani".

Se può essere Tonali il giovane italiano: "Tonali lo vedo da fuori, anche in B si vedeva che era sopra la media e che è un potenziale campione. Se lo diventerà o no spetta a lui, perché tra potenziale campione e campione, c'è tanto spazio".

Risposta attesa dal mini ciclo: "Ci farà capire qualcosa in più in termini di crescita di squadra e mantenimento del livello raggiunto".

Sul nuovo stadio: "Penso a dove si farà... Ma si sta facendo di tutto perché la Fiorentina abbia uno stadio nuovo"

Sul Brescia penalizzato dal rinvio della gara col Sassuolo: "Penso lo sia anche se si può simulare molto adesso negli allenamenti. Anche loro hanno fatto due amichevoli ed hanno avuto meno giocatori in Nazionale. ma non credo abbaino perso qualcosa in queste due settimane".

Sull'eventuale cambio di modulo: "Per migliorare bisogna cambiare ma non è matematico, 14 giocatori a partita li sto utilizzando. Il nostro obiettivo è farlo crescere e migliorare".

Su quanto manca per vedere la squadra che ha in mente: "Va più veloce di quanto pensassi visto che sono cambiati 18 giocatori. Le prossime partite ci diranno qualcosa in più".